il personale dell'Archivio di Stato di Roma. Da sinistra, in alto: Gio. Picchioni, Ermanno Loevinson, Emilio Re, ?, ?, Mario Tosi, Felice Tonetti (Felton), Guglielmo Alterocca, Santini, Grella (S.Michele), Paolo Schianchi (economo). Al centro: Pompeo Barbato, Sig.ra Spano, EUGENIO CASANOVA, Giuseppe Spano, Sig.na Romualdi. In basso: Armando Lodolini, Vincenzo Morelli, M. Cingolani, Manfredo Helminger (prof. paleografia), Antonio Taffetani (restauro), Emilio Cecchetti (sez. amministrativa), Giovanni Maffei

Eugenio Casanova, entrato nell'Amministrazione degli Archivi nel 1886, prestò servizio dapprima a Firenze, Siena e Torino. Nel 1904 vinse il concorso per la Direzione dell'Archivio di Stato di Napoli, dove però non iniziò a prestare la propria attività che dal 1907. Sui motivi del ritardo cfr. il verbale dell'adunanza n. 167 del 21 marzo 1904 e quello n.170 del 4 dicembre 1906 del Consiglio per gli Archivi. Nel 1915 fu nominato direttore dell'Archivio di Stato di Roma, dove rimase fino al 1933. Precise notizie biografiche su Eugenio Casanova si possono trovare nella voce curata da Armando Petrucci sul Dizionario Biografico degli Italiani e nel saggio di Armando Lodolini in questa stessa Biblioteca. Nella fotografia - cortesemente messa a disposizione dall'Archivio di Stato di Roma e riprodotta in formato digitale da Emidio Tedeschi - Eugenio Casanova si trova al centro di un gruppo di dipendenti dell'Istituto romano: sono presenti, tra questi, Armando Lodolini, Emilio Re ed Ermanno Loevinson, futuri direttori, i primi due dello stesso Istituto ed il terzo degli Archivi di Stato di Parma e Bologna. Notizie biografiche degli altri impiegati ritratti - i cui nomi sono stati riportati sul passe-partout della fotografia - possono rinvenirsi nei verbali del Consiglio per gli Archivi.