PEC: mbac-ic-a[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: ic-a[at]beniculturali.it   tel: (+39) 06 5196.0286

Istituto Centrale per gli Archivi - ICAR

Giugno 2017 | Comunicazione sulla funzionalità di Archivi del Novecento

La rete Archivi del Novecento è stata gestita dagli anni Novanta fino agli inizi del 2012 dal Consorzio Baicr Sistema Cultura e successivamente dalla Fondazione Siav Academy che ha acquisito il software GEA e la gestione del portale di consultazione della banca dati.

Nella primavera del 2015, a seguito della dismissione del portale da parte della Fondazione Siav Academy, il sito e la banca dati del progetto Archivi del Novecento furono trasferiti provvisoriamente in un server dell'Istituto Centrale per gli Archivi al solo scopo di permettere ancora la consultazione dei dati, fin quando i soggetti appartenenti alla rete Archivi del Novecento non avessero trovato soluzioni alternative.

I sistemi originali sono stati “staticizzati” al 2012 dal precedente gestore senza la possibilità di aggiornamento sia dei dati che dell'apparato sistemistico di base, compresi i sistemi operativi che rendono possibile il funzionamento dei server sui quali la banca dati e l'interfaccia di consultazione sono installati.

Il sistema di Archivi del Novecento nel suo complesso, compreso il sistema operativo e l’applicazione di consultazione della banca dati, già datati nel 2015, è diventato obsoleto e l'impossibilità di procedere all'aggiornamento delle sue componenti di base, lo espone a forti rischi di attacchi – d'altronde già più volte verificatisi nelle settimane scorse - che, oltre ad inibire la consultazione della banca dati per vari giorni, mettono a repentaglio la sicurezza complessiva dei sistemi affidati alla struttura cui l'ICAR si appoggia per la gestione dei propri dati.

L’ICAR si trova quindi costretto a segnalare che non è più in grado di garantire l'accesso on line alla banca dati di Archivi del Novecento e ad annunciare di aver programmato la dismissione in tempi brevi dell'intero portale. Sarà comunque garantita la conservazione dei dati e la possibilità di accedervi in ambiente offline.

I soggetti che hanno fatto parte della Rete degli Archivi del Novecento che necessitassero ulteriori informazioni e delucidazioni, possono rivolgersi direttamente all’Istituto centrale per gli archivi, che assicura  tutta la propria collaborazione, nei limiti delle sue possibilità.