PEC: mbac-ic-a[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: ic-a[at]beniculturali.it   tel: (+39) 06 5196.0286

Istituto Centrale per gli Archivi - ICAR

È online nel SIUSA un nuovo percorso tematico dedicato agli Archivi dello spettacolo

Il percorso, pubblicato nel dicembre 2020 a cura dell’ICAR e realizzato grazie all’attività di tutela, censimento e descrizione nel SIUSA svolta dalle Soprintendenze nei territori di rispettiva competenza, offre agli utenti del web un accesso diretto alle fonti archivistiche attinenti al mondo dello spettacolo nelle sue più svariate forme.

Raggiungibile all’interno del portale SIUSA, nella sezione specifica dedicata ai percorsi tematici, Gli archivi dello spettacolo (https://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/siusa/pagina.pl?RicProgetto=spettacolo) presenta, attraverso le schede dei soggetti conservatori, dei soggetti produttori, dei complessi archivistici e degli strumenti di ricerca, gli archivi prodotti da teatri, compagnie teatrali, cinema, fondazioni liriche, associazioni culturali, società filodrammatiche e da persone la cui attività sia riferibile a tale ambito, ad esempio, attori, registi, sceneggiatori, costumisti, scenografi.

Si segnalano, tra gli altri, gli archivi di attori come Dario Fo, Franca Rame, Rossella Falk, Silvana Mangano, Valeria Moriconi, Raffaele Viviani, di registi come Luca Ronconi, Franco Zeffirelli, di scenografi e scrittori la cui produzione artistica si riferisce anche allo spettacolo, quali Luigi Pirandello e Pier Paolo Pasolini.

Un insieme di complessi documentari di particolare rilievo, oggetto anche di specifici interventi di valorizzazione, che rappresentano significative testimonianze della storia dello spettacolo e della cultura italiana.

La pubblicazione di questo percorso, che comprende oggi 164 complessi archivistici di primo livello ma potrà essere incrementato con nuove acquisizioni, vuole essere un contributo alla conoscenza del mondo dello spettacolo attraverso le fonti documentarie, e un omaggio al suo rilievo culturale e sociale, in un momento in cui il settore è fortemente colpito dall’emergenza sanitaria, con l’auspicio che possa presto tornare alla sua piena e completa espressione.